Ovvero: zitto te che c’hai sempre torto!

p.s. “C’hai” è voluto, maestrini.